Rabbia ed odio

06/06/2014 dalle 19:00 alle 21:00

Se la rabbia è un’emozione che si contrappone alla frustrazione ed alla costrizione, l’odio è un progetto. Mentre la rabbia, essendo un'emozione primitiva, si osserva sia negli animali che in bambini, anche di tenera età, l’odio necessita di una consapevolezza.
Ed è per questo che è più facile parlare o agire la rabbia, rispetto alle azioni ed ai pensieri in riferimento all’odio.
Dice Vittorino Andreoli che l'odio è un legame tra un individuo ed un altro. E’ quindi simile all'amore e, in quanto tale, altrettanto intenso.
Nell'amore una persona sente di aver bisogno dell’altra fino a pensare di non esistere senza di essa, quest’ultima diventa quasi un'ombra che lo segue. Così accade nell'odio: la persona odiata occupa lo spazio mentale, colui che odia non sa più considerare tutto ciò che rimane e si fissa sul suo oggetto di odio. Amore e odio sono quindi dei legami tra due persone che spesso risultano interscambiabili: sovente si finisce per odiare intensamente una persona che in passato abbiamo molto amato. Ma può succedere anche l'opposto: si può amare una persona che prima si odiava.
Ma non bisogna mai operare una distinzione tra "cattivi" e "buoni" perché la storia dell'umanità è formata da individui che prima si arrabbiano e poi perdonano, prima amano e poi odiano.
L’odio ha certamente degli effetti sconvolgenti sul singolo o sulle società però mantiene un volto umano: è un qualcosa con cui tutti abbiamo a che fare e dobbiamo quindi imparare a conoscerlo bene per poterlo dominare.
E la strada per ll superamento dell'odio é il perdono.
Un sentimento "disumano" come dice Andreoli, rivoluzionario, folle, ma ineludibile per chi vuole "andare oltre" in quel processo di crescita della propria consapevolezza che vale il dolore della vita stessa.

Vedi un libro sull'argomento

 

Sede di svolgimento

  • - Via Montecassiano, 90 - 00156 Roma
    06.868.97.790 06.823.191

Per ricevere future informazioni circa gli eventi promossi dall’autore

Categorie correlate