Anche il narcisista ha un cuore? Alla scoperta del suo palcoscenico e del dietro le quinte per imparare a convivere con l'egocentrico.

25/10/2013 dalle 18:30 alle 20:00

Anche il narcisista ha un cuore? Alla scoperta del suo palcoscenico e del dietro le quinte per imparare a convivere con l'egocentrico. Brillante e seduttore, critico e sprezzante, vendicativo e distaccato. Il narcisista appare affascinante e sicuro di sè, tanto concentrato sui propri bisogni quanto disinteressato a quelli degli altri. Convinto di essere superiore, ignora o distrugge tutto ciò che non conferma la sua superiorità. Incapace di provare empatia, si arrabbia di fronte alle critiche interpretando la realtà a modo proprio. Fugge da rapporti intimi e profondi non riuscendo a concedersi mai veramente. A chiunque sarà capitato di essere in relazione con una persona così egocentrica, sia esso familiare, partner, amico o collega. Si tratta di un’esperienza molto impegnativa e talvolta faticosa e fallimentare che molto volentieri ci eviteremmo. Non sempre, però, possiamo fare a meno di relazionarci con una persona così difficile e allora conviene imparare a rapportarci con questa in un modo efficace ed edificante per noi. Ma come fare? Innanzitutto, conoscendo realmente chi abbiamo di fronte e che ci fa soffrire in questo modo; scoprire cosa c’é dietro le quinte di questo misterioso palcoscenico, dietro al piedistallo e al dito puntato dall’alto in giù. Quest’incontro vuole creare uno spazio di riflessione utile a superare momenti di “stallo relazionale” per cercare nuovi modi più costruttivi di rapportarci con chi non riesce a rispettare i nostri bisogni e le nostre opinioni. E così, nell’incontrare l’altro, possiamo incontrare noi stessi e la nostra straordinaria umanità. E magari, chissà, potremmo scoprire -alla fine- che anche il narcisista ha un cuore”¦

Codice prenotazione: LA060

Relatore: Dott.ssa D'Oriano Antonella

Sede di svolgimento

  • Via Tiburtina, 994 - 00155 Roma

Per ricevere future informazioni circa gli eventi promossi dall’autore