Tradire o tradirsi?

23/10/2015 dalle 19:00 alle 23:00


La vita in sé è tradimento, sin dalla nascita.
Quello che noi possiamo fare, attraverso l'individuazione, è crescere attraverso questo tradimento, recuperare noi stessi nonostante questo tradimento, assumere lo scandalo di questo tradimento, avere fiducia oltre questo tradimento.
Stiamo parlando di una sfida: la sfida di sostenere la contraddittorietà dell' esistenza…la nostra propria contraddittorietà, quella per cui amiamo l'amico e pure lo invidiamo, per cui disprezziamo un superiore e pure vorremmo essere potenti come lui.
Tradimento è pensare alla nostra condizione umana in termini di assoluta libertà, assoluta conoscenza e assoluto controllo del fiume della vita: in realtà non controlliamo un bel niente!

(Aldo Carotenuto)  
Sono pochi coloro che non hanno tradito o non sono stati traditi. E di questi, molti, vedono il tradimento come un’azione di uno verso l’altro. Ma il tradimento più grande risiede nel non ascoltare la voce della propria anima e obbligarsi a condurre, senza reali motivazioni,  una vita che non è quella desiderata. Il seminario è un’occasione per rivedere le posizioni assunte fino ad oggi e riformulare modi di essere, pensare e dire più rispondenti al nostro progetto interno.

PROGRAMMA
· Il tradimento (definizioni e fenomenologia)
· Le emozioni correlate.
· Il valore sociale del tradimento.
· Convivere con il tradimento.
· Il tradire come colpa e come risorsa.
· Il tradimento nei vari contesti relazionali.

Sede di svolgimento

  • - Via Montecassiano, 90 - 00156 Roma
    06.868.97.790 338.13.934.23 06.823.191

Per ricevere future informazioni circa gli eventi promossi dall’autore

Categorie correlate