Confini mobili fra trauma e trasformazione

03/12/2021 dalle 15:00 al 05/12/2021 alle 17:30 30/11/2021

Confini mobili fra trauma e trasformazione Promosso dal Centro Studi di Terapia della Gestalt in collaborazione con la Clinica psichiatrica dell’Università di Milano Bicocca.
 
Presentazione: L’esistenza individuale inizia con una traumatica separazione: il trauma della nascita. Un destino evocato dalla Genesi alle origini del mondo e ripreso da antropologi, filosofi, sociologi, studiosi della mente e letterati che, storicamente, ne hanno richiamato – in più forme – il senso dell’unità originaria, la simbiosi e la separazione o i meccanismi di dipendenza dall’altro nelle diverse forme dell’amore, dell’unione mistica o del perdersi attraverso la dissoluzione dell’ego nell’uso dell’alcol e delle sostanze.
 
Gli eventi traumatici non di rado si legano all’ansia di separazione che comporta spesso, tra l’altro, un elemento di pathos che inevitabilmente si collega ad eros come componente ineludibile di relazioni a forte tonalità passionale che, in quanto tale, non va connotata necessariamente, per default, come patologia.
 
Una singolare intensità di tale fenomeno evidenzia, nel contempo, tratti di personalità riconducibili ora ad elementi neurobiologici, ora a particolari “vicissitudini della libido”, Freud, e ora, più recentemente, a forme di attachment problematico che meritano una particolare attenzione sotto il profilo clinico e dell’intervento terapeutico.
 
Al di là delle patologie più manifestamente riconducibili a situazioni traumatiche, merita chiedersi se il tema della “carenza”, in questo ambito, sia un elemento costitutivo della condizione umana a partire da situazioni “micro- traumatiche”, Kohut, in assenza di eventi obiettivamente identificabili come esplicitamente traumatici e che aprono alle tante varianti di un Disturbo da stress post-traumatico che lo stesso DSM-5 non riesce a qualificare compiutamente in termini nosografici.
 
Destinatari: psicologi, psicoterapeuti, psichiatri ed anche coloro che operano nello spazio della relazione di aiuto. Chiunque è interessato al tema.
 
Modalità di svolgimento: webinar interattivo
 
Costo (IVA compresa) per le tre giornate:
- Professionista o partecipante generico: 90,00 €.
- Per gli studenti iscritti alle Facoltà di Psicologia e Medicina di tutte le Università italiane: 60,00 €
- Per gli studenti del CSTG (Formazione in psicoterapia), Cattedra di Psichiatria Bicocca: gratuito.
- Per i docenti, tutor e studenti CSTG e istituti associati alla FIAP (Federazione Italiana Associazioni Psicoterapia): 60,00€.
 
Nota: L'evento sarà registrato ed il video sarà disponibile ai partecipanti per un mese dopo la fine del Convegno.
 
Segreteria organizzativa: Formazione Puntopiù 338.13.934.23 - formazione@puntopiu.eu
 
Clicca sul tasto per accedere ad altre INFO ed iscriverti:


PROGRAMMA
 
Venerdì 3 dicembre, ore 15:00-18:00: Il trauma, la storia, la clinica e le sue diverse forme
Coordina e introduce Massimo Clerici, direttore della Clinica psichiatrica dell’Università di Milano-Bicocca
- Paolo Migone, Co-direttore della rivista Psicoterapia e Scienze umane: Il concetto di trauma nella storia del pensiero psicoanalitico
- Liliana dell’Osso, direttore della Clinica psichiatrica dell’Università di Pisa e presidente del Collegio Nazionale dei Professori Ordinari di Psichiatria: Spettro autistico e catatonico: l’impatto del trauma
- Primo Lorenzi, psichiatra, psicoterapeuta e docente a contratto presso l’Università di Pisa: L’ombra dell’autismo sul trauma. I possibili portati positive
- Riccardo Zerbetto, direttore del CSTG: Il contributo dell’approccio gestaltico nel lavoro con le sindromi post-traumatiche

Sabato 4 dicembre, ore 09:30 – 13:30: Una panoramica sui diversi strumenti di intervento
Coordina e introduce Donatella De Marinis, co-direttore del CSTG, psicologa e psicoterapeuta, Trauma e trasformazione nelle relazioni di coppia
- Isidoro Cioffi, psichiatra, psicoterapeuta e coordinatrice Gruppo di Lavoro provinciale per la salute mentale ASST Due Laghi: L’arte è una forma sintomatica: agisce sui processi emotivi
- Isabel Fernandez, psicoterapeuta e presidente Associazione per l’EMDR-Italia: La risposta dell’EMDR alla Pandemia
- Edward Callus, ricercatore in Psicologia Clinica all’Università degli Studi di Milano e Responsabile del Servizio di Psicologia Clinica all’IRCCS Policlinico San Donato di Milano: Supporto psicologico ad un giovane paziente ospedalizzato con polmonite indotta da SARS-COV2 durante e dopo il ricovero
Benedetta Silj, analista filosofa della Società di Analisi Biografica a Orientamento Filosofico, Sabof, L'esperienza del trauma tra disastro e desiderio
 
Sabato 4 dicembre, ore 15:00 – 18:30: Processi di trasformazione e resilienza
Coordina e introduce: Fabio Madeddu MD, Professore Ordinario Psicologia Clinica, Direttore Scuola di Specializzazione in Psicologia del Ciclo di Vita, Il concetto di 'trauma' nel narcisismo patologico
- Paolo Mottana, professore ordinario di Filosofia dell’educazione e pedagogia immaginale all'Università di Milano-Bicocca: Trauma e trasmutazione artistica
- Sara Bergomi, docente CSTG, esperta in Pratiche Immaginali: Metamorfosi. Ogni forma di vita come testimone del trauma e del suo superamento
- Zaira Di Mauro, psicologa, psicoterapeuta e docente CSTG, Il morso della sessualità femminile
- Alessandra Filannino Indelicato, ricercatrice di Filosofia morale dell’Università di Milano-Bicocca: La “terribile fatica” di Cassandra e il dono indesiderato della profezia come ferita-feritoia
- Federica Finocchi, psicologa in cure palliative e Lucian Tomek, psicologo e teologo: Come elaborare i vissuti di fine-vita
 
Domenica 5 dicembre, ore 09:30 – 13:30: Come affrontare le grandi sfide ed eventi catastrofici planetari, clima, pandemia, migrazioni e diritti umani,

Coordina e introduce: Riccardo Zerbetto su Il martirio delle donne afghane e la resistenza ad un Islam maschilista e repressivo.
- Massimo Clerici e Elena Miragliotta, psichiatra ASST Monza, Progetto FAMI, e Elisabetta Leon, docente CSTG, La società odierna di fronte alla sfida delle grandi migrazioni: una ricerca
- Luigi Janiri, professore di Psichiatria all’Università Cattolica di Roma, Direttore dell’UO di Psichiatria al Policlinico Gemelli di Roma, presidente FIAP: La temporalità traumatica in epoca pandemica
- Fabrizio Faggiano, Osservatorio Epidemiologico ASL Vercelli e professore Dipartimento di Medicina Traslazionale, Università del Piemonte Orientale: Earth Overshoot Day: Come valutare il nostro “debito ecologico” nei confronti del pianeta,
Natale Losi, Direttore di ETNOPSI - Scuola di Psicoterapia Etno-sistemico-narrativa, Critica del trauma: Modelli, metodi ed esperienze etnopsichiatriche.
 
Domenica 5 dicembre, ore 14:30 – 17:30: Tavola rotonda: Testimonianze e dibattito
Coordina Giovanna Puntellini, docente CSTG con la partecipazione di Anna Barraco, Alberto Cericola, Emanuela Crapanzano, Donatella De Marinis, Claudio Gallone, Daniele Mondini, Meri Ruggeri.

ORGANIZZAZIONE DELL'EVENTO - INFO - PRENOTAZIONI

Sede di svolgimento

  • Online - Milano

Categorie correlate